Quante sono le persone che ogni anno soffrono di depressione?

La depressione è una condizione clinica sempre più diffusa. Lo dicono le statistiche. Dai dati raccolti attraverso il censimento ISTAT del 2014 risulta che in Italia la depressione riguarda ben 2,6 milioni di individui, il 4,3% della popolazioneNelle donne la prevalenza di tale disturbo psicologico è il doppio rispetto a quella degli uomini, dato che rimane invariato anche prendendo in considerazione diverse fasce d’età.Statistiche-sulla-depressione

Un dato interessante emerge se si confrontano i dati relativi alla salute mentale rilevati nell’ultimo censimento con quelli del decennio precedente: l’indice di salute mentale è sceso di 1.6 punti, soprattutto rispetto ai maschi fino ai 34 anni e agli adulti tra i 45 e i 54 ani.

Se allarghiamo lo sguardo e prendiamo in considerazione la popolazione presente nell’Unione Europea, la situazione non cambia, in questo caso l’11% dei cittadini (circa 50 milioni di abitanti) ha sofferto almeno una volta nella vita di depressione. Non solo, come si può vedere dall’infografica, ogni anno una persona su 15 soffre di depressione maggiore e se includiamo disturbi d’ansia e altre forme depressive il numero di persone passa da 1 a 4 ogni 15 abitanti (Eda 2014)

Per approfondimenti leggete la Fonte ISTAT e il sito della World Health Organization.

****

Per qualsiasi informazione o per richiedere una consulenza contattami pure al numero 366.1603769.

****

Sei già iscritto alla mia Newsletter? Se ti piacciono i miei articoli, fallo subito, così non ci perderemo di vista e riceverai tutti gli aggiornamenti scritti appositamente per te! Le istruzioni in questo link

Archiviato in ARTICOLI

Vai alla pagina SALUTE

Quante sono le persone che ogni anno soffrono di depressione?
Vota questo post

Mara Vesco

Sono una psicologa, mi appassionano le storie e le emozioni che accompagnano ogni vita, rendono unico ogni essere umano e il suo contesto familiare. Credo nel cambiamento e nell'importanza della comunicazione come strumento per migliorare la relazione con noi stessi e con gli altri. Lavoro da anni con le famiglie, in particolare mi occupo di disabilità visiva e di genitorialità. Seguimi su Google+