Fotografia e depressione. “Soul pain” di Vanni Stroppiana

Abbiamo già parlato in un articolo passato di fotografia e depressione. Oggi ho ricevuto una bella e inaspettata e-mail. L’articolo che avevo scritto si occupava del progetto fotografico “Soul pain” di Vanni Stroppiana, una sequenza di 29 immagini riguardanti i vissuti della depressione. Ringrazio Vanni Stroppiana per avermi scritto e per il bel messaggio di speranza che vuole trasmettere con questo progetto.

Ecco la mail:

Buonasera Dott.ssa M. Vesco,
navigando su internet ho letto il suo commento riferito al mio racconto fotografico sulla depressione.Sono immagini autoscattate e,credo di aver trasmesso un messaggio di speranza che si può guarire.Personalmente mi sono trovato ad annasparte con “lei” per alcuni anni ma, fortunatamente,è acqua passata.Il mio portfolio (siccome mi occupo anche di fotografia) ha avuto molto successo,sia dalle persone addette come alle persone comuni,che mi chiedevamo speranza.Ho avuto addirittura,la fortuna,di essere invitato due o tre volte alla facoltà di Psicologia di Torino per raccontare agli studenti il mio vissuto.
Grazie e cordiali saluti.
Vanni STROPPIANA

L’articolo e le immagini le trovate in questo link.

http://goo.gl/25t0YQ

****

Per qualsiasi informazione o per richiedere una consulenza contattami pure al numero 366.1603769.

****

Sei già iscritto alla mia Newsletter? Se ti piacciono i miei articoli, fallo subito, così non ci perderemo di vista e riceverai tutti gli aggiornamenti scritti appositamente per te! Le istruzioni in questo link

Archiviato in ARTICOLI

Vai alla pagina SALUTE

Fotografia e depressione. “Soul pain” di Vanni Stroppiana
Vota questo post

Mara Vesco

Sono una psicologa, mi appassionano le storie e le emozioni che accompagnano ogni vita, rendono unico ogni essere umano e il suo contesto familiare. Credo nel cambiamento e nell'importanza della comunicazione come strumento per migliorare la relazione con noi stessi e con gli altri. Lavoro da anni con le famiglie, in particolare mi occupo di disabilità visiva e di genitorialità. Seguimi su Google+