Film e disabilità visiva: citazione cinematografica tratta da “A prima vista”

“Da bambino avevo due sogni. Uno era di poterci vedere anch’io. L’altro era di poter giocare ad hockey per i New York Rangers. In seguito alla… al mio miracoloso breve periodo da vedente, potendo scegliere credo che preferirei giocare ad hockey per i New York Rangers.
Non che la vista fosse da disprezzare. Ho conosciuto tante cose. Alcune erano meravigliose… altre decisamente spaventose. Certe cose le sto… incomincio già a non ricordarle più. Ma certi sguardi particolari, certe occhiate, le nuvole, sono immagini che resteranno impresse dentro di me a lungo anche dopo che sarà calato il buio. Come cieco, devo dire sono convinto di vederci molto meglio di quando avevo gli occhi che mi funzionavano. Perché… secondo me noi non vediamo con gli occhi. Io penso che… che in fondo viviamo nelle tenebre quando non percepiamo la vera essenza di noi stessi, degli altri e della vita. E credo che… che non ci sia operazione che possa farci questo, come è vero che quando uno arriva a scoprire quello che ha dentro di sé, ha già visto tanto. E per questo gli occhi non servono“.

Locandina-film-a-prima-vista

****

Per qualsiasi informazione o per richiedere una consulenza contattami pure al numero 366.1603769.

****

Sei già iscritto alla mia Newsletter? Se ti piacciono i miei articoli, fallo subito, così non ci perderemo di vista e riceverai tutti gli aggiornamenti scritti appositamente per te! Le istruzioni in questo link

Archiviato in ARTICOLI

Vai alla pagina DISABILITA’

Film e disabilità visiva: citazione cinematografica tratta da “A prima vista”
Vota questo post

Mara Vesco

Sono una psicologa, mi appassionano le storie e le emozioni che accompagnano ogni vita, rendono unico ogni essere umano e il suo contesto familiare. Credo nel cambiamento e nell'importanza della comunicazione come strumento per migliorare la relazione con noi stessi e con gli altri. Lavoro da anni con le famiglie, in particolare mi occupo di disabilità visiva e di genitorialità. Seguimi su Google+