Come funziona la terapia familiare?

Dopo essermi occupata in un precedente articolo di quando può essere utile intraprendere una terapia familiare, nelle prossimi righe risponderò alla domanda:

Come funziona la terapia familiare?

A differenza della terapia individuale gli incontri hanno una durata maggiore, in media 1 ora e mezza, ed hanno una frequenza quindicinale.

Di solito la terapia familiare viene richiesta da uno o entrambi i genitori per una difficoltà del figlio (bambino o adolescente).

Dipinto Ritratto di famiglia del pittore CavalliSecondo i terapeuti della famiglia la personalità di ognuno di noi è influenzata dal rapporto con gli altri. E questo fin dai primi anni di vita. Quindi, quando un bambino manifesta una sofferenza psicologica va preso in carico analizzando la relazione che ha con i genitori, i fratelli e, magari, i nonni. Per comprendere in modo approfondito il disagio portato dalla famiglia e aiutarla nel suo cammino verso il cambiamento, nella stanza della terapia lo specialista pone domande, annota le risposte, osserva i gesti e le modalità di rapportarsi fra i membri della famiglia.

Tutti dicono la loro.

Se è presente un bambino di quattro o cinque anni può esprimersi con un gioco o un disegno.

I genitori, nel mentre, interagendo con lui, partecipando alle sue attività, mettondo in luce i tratti del loro rapporto. Va detto che per i genitori entrare in contatto profondo con le sofferenze del figlio e mettere la loro relazione sotto la lente d’ingrandimento della terapia richiede tanto coraggio.

Ma il risultato vale la fatica.

La terapia familiare si conclude di frequente con successo per i bambini. I bambini sono incredibili, plastici, capaci di enormi cambiamenti. Purché si intervenga in tempo e non si lasci al malessere il tempo di diventare cronico.

Non di rado capita che, quando i bambini stanno meglio, anche i genitori trovino la spinta giusta per mettere a fuoco e risolvere i loro conflitti.

Immagine: “Ritratto di famiglia” di Emanuele Cavalli

Dott.ssa Mara Vesco – Psicologa e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale

Archiviato in ARTICOLI

Vai alla pagina FAMIGLIA

Stampa