Salute

Tutti gli articoli riguardanti il tema della salute, in particolare le condizioni di sofferenza depressiva e ansiogena.

5 consigli per coltivare il benessere psicologico

Lo stato di completo benessere psicologico è irraggiungibile, ma secondo quella che è la mia esperienza professionale i 5 consigli che ti sto per suggerire, se seguiti con costanza, sono efficaci per migliorare la tua salute psicologica.

Prima di dirti quali sono, leggi le righe che seguono. Continua a leggere

Curare la depressione: è possibile riacquistare la voglia di fare?

E’ possibile curare la depressione?

In questo articolo mi concentrerò su un aspetto emblematico della condizione di sofferenza depressiva: l’inibizione, l’incapacità di agire, l’annullamento della progettualità.

COSA VUOL DIRE SENTIRSI INCAPACI DI AGIRE?

Proverò ad addentrarmi in questo argomento, raccontando la storia di Bartleby lo scrivano, tratta da un racconto di Herman Melville. Continua a leggere

Il dio greco che soffriva di attacchi di panico

Silvia posò il piede sul primo scalino, senza quasi accorgersene.

Mentre saliva la breve rampa di scale che la conduceva in aula, cercava di ricordare i punti salienti dei libri di testo che aveva studiato negli ultimi mesi.

Stava per entrare in aula, in sottofondo sentiva il ronzio dei presenti all’esame orale, voci indecifrabili, come una radio non sintonizzata sul canale giusto, un po’ come si sentiva lei quel giorno. Continua a leggere

Quel giorno Marco perse il lavoro

Marco perse il lavoro e per la prima volta nella sua vita si sentì un fallito.

All’improvviso il mondo smise di girare, la sua vita pareva essersi fermata.

Era successo tutto molto in fretta, l’accaduto lo aveva stordito e non riusciva a farsene una ragione. Continua a leggere

Depressione Post-Partum. Riconoscere e prevenire scommettendo sulla coppia

Depressione post-partum: ne sentiamo parlare, sempre più spesso, su giornali, in internet e in tv. Dai dati della letteratura scientifica emerge che nei paesi occidentali circa il 10%-15% delle donne sviluppano uno stato di depressione in seguito alla nascita del loro bambino (in prevalenza tra la quarta e l’ottava settimana dopo il parto) con giornate scandite da senso di solitudine, svuotamento, tristezza e importanti ricadute a livello individuale, familiare e sociale.

Prevenire questi stati si può: Continua a leggere

Come riconoscere la depressione (VIDEO) I had a black dog, his name was depression

Come riconoscere la depressione? “I had a black dog” è un cortometraggio nel quale la depressione viene raffigurata come un enorme e spaventoso cane nero che impedisce di vivere serenamente. Per chi soffre di depressione non è facile parlarne:
“la mia più grande paura era essere scoperto. Mi preoccupavo del giudizio della gente. A causa della vergogna, ero costantemente preoccupato che potessi essere scoperto. Così cominciai a investire una energia smisurata a nascondermi. (…) Se sei in difficoltà, non avere mai paura di chiedere aiuto”.

Continua a leggere

Fotografia e depressione. “Soul pain” di Vanni Stroppiana

Abbiamo già parlato in un articolo passato di fotografia e depressione. Oggi ho ricevuto una bella e inaspettata e-mail. L’articolo che avevo scritto si occupava del progetto fotografico “Soul pain” di Vanni Stroppiana, una sequenza di 29 immagini riguardanti i vissuti della depressione. Ringrazio Vanni Stroppiana per avermi scritto e per il bel messaggio di speranza che vuole trasmettere con questo progetto.

Ecco la mail:

Continua a leggere

Perchè è difficile combattere l’ansia e la depressione?

Oggi proviamo a capire perché l’ansia e la depressione sono così difficili da combattere. Ce lo illustra un fumetto.

Si chiama Nick Seluk, è il disegnatore del popolare fumetto pubblicato sul web “Yeti Awkward”, ha illustrato la storia scritta da Sarah Flanigan, una lettrice che soffre di disturbi d’ansia e depressione.

Di che cosa parla questa storia?  Continua a leggere

Alcuni segnali della depressione in adolescenza

Cosa sapete della depressione in adolescenza? Secondo uno stereotipo comune gli adolescenti sono lunatici. Anche se i cambiamenti d’umore e la confusione possono caratterizzare la fase adolescenziale, la depressione è una condizione clinica diversa, è un disturbo dell’umore che a volte può anche portare a pensieri e comportamenti suicidari.
Fino a poco tempo fa, si pensava che i bambini e gli adolescenti non soffrissero di disturbi dell’umore come la depressione e il disturbo bipolare. Purtroppo non è così. Continua a leggere

La depressione raccontata per immagini

Come far capire a chi non ha mai sofferto di depressione quali sono i vissuti che accompagnano questa condizione di sofferenza psicologica? Non è semplice, le parole sono importanti, ma a volte non bastano. E allora possiamo provare con le immagini. Vi propongo il progetto “Soul Pain” del fotografo torinese Vanni Stroppiana. Continua a leggere

7 miti sulla depressione

La depressione è spesso concepita come una sorta di “raffreddore” dei disturbi mentali, in virtù della sua diffusione. Secondo le statistiche, nel corso della vita, ad 1 persona su 9 potrebbe essere diagnosticata una condizione di malessere depressivo. A differenza di altre condizioni di sofferenza psicologica, la depressione ha delle ricadute su ogni aspetto della vita e sulle modalità di entrare in relazione con gli altri.
Ecco i sette miti più comuni sulla depressione. Continua a leggere

Depressione e pensieri nella mente

I pensieri giocano un ruolo fondamentale nel mantenimento della depressione.

La psicoterapia cognitivo-comportamentale riconosce una corrispondenza tra i pensieri e le emozioni che viviamo. Pensieri negativi riconducibili alla rabbia inducono a provare rabbia. Pensieri negativi e spaventosi inducono a provare paura.
Facciamo l’esempio dell’ansia e della paura. I terapeuti cognitivisti hanno individuato nei loro pazienti l’esistenza di pensieri che riguardano la percezione di situazioni di minaccia o pericolo, unitamente ad un vissuto di mancanza di fiducia nella loro capacità di gestire ciò che percepiscono come minaccioso. Continua a leggere

I Peanuts e la depressione

La traduzione delle immagini dei Peanuts:

  1. Questa è la mia “postura da depresso”.
  2. Quando sei depresso fa un sacco di differenza il modo in cui ti metti.
  3. La cosa peggiore che puoi fare è alzarti e tenere la testa alta, perché così cominci subito a sentirti meglio…
  4. Se vuoi goderti davvero la tua depressione, ti devi mettere in questa posizione.

Continua a leggere

Quante sono le persone che ogni anno soffrono di depressione?

La depressione è una condizione clinica sempre più diffusa. Lo dicono le statistiche. Dai dati raccolti attraverso il censimento ISTAT del 2014 risulta che in Italia la depressione riguarda ben 2,6 milioni di individui, il 4,3% della popolazioneNelle donne la prevalenza di tale disturbo psicologico è il doppio rispetto a quella degli uomini, dato che rimane invariato anche prendendo in considerazione diverse fasce d’età. Continua a leggere

5 modi per aiutare una persona anziana con depressione

Come aiutare una persona anziana con depressione? La depressione è una condizione clinica che può riguardare tutte le età. Tuttavia, una fascia d’età che spesso viene trascurata quando si parla di depressione è quella degli anziani.
Infatti, negli anziani i sintomi della depressione possono essere confusi con gli effetti di altre malattie in corso o dei farmaci di cui fanno uso. Inoltre, i sintomi tipici della depressione, come ad esempio la stanchezza, la mancanza di appetito, la perdita di interesse per le attività che prima venivano svolte volentieri, sono spesso considerati normali aspetti del processo di invecchiamento e non i sintomi di uno stato depressivo. Continua a leggere

23 cose da non dire ad una persona che soffre di depressione

Come stare accanto a qualcuno che tutti i giorni lotta contro la depressione? Di fronte a questo disagio, può essere forte la tentazione di allontanarsi, perchè si teme di dire o fare la cosa sbagliata. Ecco allora che può essere d’aiuto conoscere ciò che spesso le persone con depressione si sentono dire da chi gli sta accanto e che di solito non apportare loro alcun beneficio.

Continua a leggere